mercoledì 6 gennaio 2016

Una domenica mattina


Mi piace il tepore che si respira il mattino presto in cucina, quando ancora tutti dormono e il profumo di spezzatino inonda ovunque.
lo spezzatino

.nonostante la situazione affettiva e finanziaria  non si siano ancora sistemate mi sento serena,perchè sto affrontando il tutto una cosa alla volta, a piccoli passi. Ho ri-niziato ad ascoltarmi a prendermi cura di me stessa dopo giorni  diincavolature  varie..è da qui che devo ricominciare,da me . Perchè ho capito che sono il motore di questa casa ma ho capito anche che qualcosa devo pur mollare , devo "fidarmi" di chi mi sta vicino e che le cose non sempre  vanno come dico io: c'è sempre il cartellino degli imprevisti sul tavolo ma non  per questo sempre in negativo

la micia curiosa
. La  gattina  è qui vicino, curiosa  che sta sniffando l'aria spezzatina, sa già che ci sarà una porzioncina per lei la furbacchiona. mi fa compagnia  e accarezzarla ogni tanto mi piace,ha un pelo così morbido e fa le fusa  se le massaggi il collo
Fuori di nuovo la nebbia che da un tono fiabesco ed ovattato in questo giorno festivo dal significato importante
si, questa domenica mattina  si sta bene anche così , in questi piccoli attimi di serenità

Lo stellone

piazza Bra
e la città in questi giorni è bellissima, con le luci i colori e quell'atmosfera di festa che ti fa stare bene..peccato dover riporre il presepe, le luci sul balcone..(l'albero ci ha pensato la micia la settimana scorsa dopo averlo rovesciato due volte  ne ha fatto scempio un pomeriggio che era a casa da sola ,la dispettosa!!) ma  é stato bello  anche sorridere per questo

buona Domenica 

3 commenti:

  1. Che bel quadretto sei riuscita a dipingere con le parole.. il profumo arriva fin qui.
    Buona festa, allegra e spensierata (ogni tanto è bello lasciar scorrere la vita come viene viene).
    Ciao.

    RispondiElimina
  2. l'albero ed il presepe sono ancora qua e non so per quanto tempo ancora ci resteranno, perchè domani arriva Giulia, arrivano i miei nipotini ed allora voglio che Unai trovi tutto quello che abbiamo preparato, lo zio Tommi ed io, per raccontargli ancora una fiaba...
    poi domani è il compleanno dei miei " gemelli", che se mi sentono che li chiamo " gemelli" si incavolano di brutto......e hanno ragione! " Non siamo i gemelli, siamo Tommaso e Silvia!", mi dissero tanto tempo fa, quando compivano 5 anni....
    direi che la Befana con me è stata proprio generosa! Mi ha portato due figli!
    buono il profumo del tuo spezzatino, arriva fin qua.
    e buono il proposito di " mollare " qualcosa: siamo tutti necessari, nessuno è indispensabile....dobbiamo semplicemente- che poi semplice non è - imparare a mollare qualcosa!Dobbiamo imparare a fidarci....
    un abbraccio grande, grandissimo
    Lela

    RispondiElimina
  3. E' da come reagisci tu che la vita gira e soprattutto la tua famiglia. Il Natale comunque porta una sosta a volte rilassante a volta frenetico e laborioso come il mio. Ma è andata bene così, unico mio rammarico non aver potuto fare l'Albero di Natale e nemmeno il Presepe causa trasloco... :D ma va bene così, il nuovo arrivo in casa è stato molto gradito :D
    Tanti auguri mia cara di Buon Anno, questo che è l'Anno del Cambiamento!!! :D

    RispondiElimina