venerdì 8 gennaio 2016

Al volo

Poco fa ho accompagnato i miei figli a scuola . Avete presente quelle scenette  da film  muto? quelle comiche  dove succede un'azione seguita da un'altra buffa da scompisciarsi ?
ecco, davanti l'ingresso nella notte si è ghiacciata una pozzanghera di medie dimensioni, e  accanto c'è  il bidello che "dovrebbe" avvertire del pericolo,

"DOVREBBE"

e una ! e due! e tre! ragazzine scivolano  con il sedere a terra ..e a seguire le mammeeeeee
e lui, che fa? niente, guarda. Fortunatamente le ragazzine  si rialzano incolumi .
Ma....ewallàààààà ...una, e due  mamme con al seguito i pargoli a gambe all'aria!!

Ora...va bene che sono le otto e meno un quarto di mattina e un bidello "può essere " già stanco..ma star li come un palo a guardare senza avvertire  fumando una sigaretta ,questo no!! Per fortuna ci ha pensato la signora della protezione civile  che aiutava i ragazzi ad attraversare la strada ad avvertire del pericolo..

Mi vien da dire :
pensiero al volo ma " molto al volo"
: STATALI !!!!!!
So con certezza che in quella scuola se la passano bene.

Più tardi vado dalla preside

 Buongiorno :)))

19 commenti:

  1. Risposte
    1. sono andata , ho reclamato e ho saputo "per vie traverse" che c'è stato un bel richiamo e che altri genitori si sono lamentati. Bene bene.. Ciao !!

      Elimina
  2. Mi vien da rispondere "al volo". Ma scusa, la pozzanghera era FUORI dalla scuola... non era mica di sua competenza!!!!!!!! Guai a fare qualcosa che esula dai compiti assegnati!!!
    Un bacione
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Francesca hai ragione, era a mezzo metro dal cancello e questo fa si che la scuola non risponda . però dico io..se mettono il bidello per avvertire del pericolo lo stesso e questo se ne sta li tranquillo a sfregarsi le braccia e a fumare (davanti la scuola poi) e dopo alcune cadute ne seguuono delle altre e ancora questo non fa un cavolo ma lo fa la vecchietta della protezione civile dall'altro lato della strada ,un dubbio che questo signore "Voja de laòrar salteme addosso" mi viene eh^^^ uN ABBRACCIONE :))

      Elimina
  3. Tutti gli edifici, statali o meno, sono (erano?) responsabili delle aree di accesso agli stabili stessi. spero che la preside ti abbia dato soddisfazione riprendendo quel bidello che non potrebbe neppure fumare. Sappici dire, per favore. Meno male che non si è fatto male nessuno.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scuola risponde non fuori dal cancella ma dentro .la pozzanghera era proprio davanti e i ragazzi dovevano scavalcarla per entrare . Peò un pò di buon senso , che so, metti anche un pò di sale così si scioglie. In più quel mattino c'era un nebbione di quelli e non si vedeva nulla. Ciao :)))

      Elimina
  4. IO SONO MOLTO ARRABBIATA CON GLI STATALI:PENSA CHE AL RITORNO A SCUOLA HANNO SISTEMATO LA CLASSE DI MIO FIGLIO IN UN'AULA AMMUFFITA E NON RISCALDATA PERCHE' IN CLASSE C'E' UN COMPAGNO CHE E' STATO OPERATO E DEVE STARE SULLA SEDIA A ROTELLE PER UN MESE, QUESTO PERCHE' LE BIDELLE NON VOGLIONO AIUTARE LA MAMMA A SOLLEVARE LA SEDIA PER ANDARE IN CLASSE. CHE SVERGOGNATE!!!!INIZIA LA MIA RIVOLUZIONE!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco vedi? tutto il mondo è paese. Anche qui accadono ste cose ,solo con la differenza nella nostra scuola che c'è un comitato genitori molto attivo per fortuna . Sono arrabbiata anch'io Sabry . Un abbraccio

      Elimina
  5. Mi piaci!
    Felice domenica,splendida amica!
    Ciao
    Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e felice domenica anche a te:))

      Elimina
  6. Sante parole!!!! hai fatto bene ad andare a reclamare! Che tristezza!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si Ely, era il minimo un abbraccio

      Elimina
  7. Non è questione di statali o no, ma di cervello. Questo bidello è inqualificabile a livello umano! Chiunque di fronte a un pericolo incombente eviterebbe che possa accadere. Questo no, forse si divertiva a vedere la gente cadere! Parlare con la preside è il minimo, perché questa persona non è degna di stare in questa scuola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, hai ragione, ho già provveduto e con me altri genitori alla segnalazione. A presto :)

      Elimina
  8. ..ecco, ci ho messo un po' a scrivere....
    ecco che mi riallaccio a ciò che scrive Andrea, qua sopra....non c'entra nulla essere statali o meno.
    c'entra semplicemente essere responsabili o meno, come persone!c'entra il cervello che uno ha, in questa come in mille altre situazioni!
    ...forse mi sento tirata in causa, come lavoratrice statale....o , forse, mi sento ancor più tirata in causa come PERSONA che vorrebbe scavalcare certi pre concetti ( e non sempre ci riesce) ma che vorrebbe parlare delle singole persone e non delle categorie!
    sono una lavoratrice statale che, dopo quasi 30 anni di lavoro e con il contratto fermo dal 2009, prende quasi 1500 euro e che , se si ammala, lascia il 30% della sua retribuzione giornaliera, giorno dopo giorno.
    Non è una difesa di " casta", il tuo racconto è stato per me soltanto un ...pretesto per chiarire alcune cose e perchè son un po' stanchina di pregiudizi......
    Emanuela
    PS....non è certo un attacco, solo una spiegazione!Solo che vorrei si andasse oltre ! ci sono persone e persone, statali e non statali, idioti e non, approfittatori ed altruisti, persone per bene e persone per non!

    RispondiElimina
  9. Lela, scusami non volevo offendere gli statali in genere , sono consapevole che ci sono persone che approfittano del loro ruolo e altre no. Il mio è stato un modo di dire magari affrettato dovuto alla rabbia che certe persone ne approfittino ,in questo caso il bidello e chi glielo permette. (ti sei arrabbiata veramente perchè hai firmato con il tuo nome per intero...) Il tuo commento va benissimo :)) scusami ancora,un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Ciao Nicoletta, volevo ringraziarti per essere passata ed aver lasciato il tuo pensiero sul mio blog e ricambiare l'augurio di un buon Anno Nuovo!
    Con affetto Susanna

    RispondiElimina
  11. Buon Anno!
    Ma mettere un cartello, un biglietto (grande) su un palo vicino alla pozzanghera non andava bene?
    Capisco possa essere su territorio "neutrale", ma meglio questo che possibili gambe rotte (e qui, essendo suolo comunale, partirebbe la denuncia al comune stesso).
    Ad ogni modo, e' la preside che deve partire immediatamente con una qualsiasi azione disciplinare (e non) nei confronti del bidello.
    L'anno scorso, da noi, c'era un signore delle pulizie (noi non li chiamiamo bidelli, non so neppure bene quale "figura" possa avere), vabbe', che puliva le aule. Ha scattato alcune foto di bambini in bagno e, appena questi lo hanno riferito alla maestra, poi alla direttrice, il signore e' stato IMMEDIATAMENTE allontanato da scuola, licenziato dall'impresa per cui lavora e con tanto di foglio che non potra' piu' lavorare in posti pubblici.
    Questa si che e' efficienza.

    RispondiElimina