venerdì 11 settembre 2015

Oggi proprio non è giornata.

Sono preoccupata perchè dopo una settimana  ho ancora il ciclo e ho anche dei doloretti . Già l'ultimo era stranissimo non come il solito  . Insomma mi devo preoccupare? che si stia avvicinando   quel particolare periodo  che non sono ancora pronta a nominare ? Sento da amiche di sintomi    preoccupanti, vampate di calore che ti  condizionano il vivere , di nervosismo,tachicardie notturne..e a tutto questo quasi non c'è un vero rimedio.
Il mio cruccio è che se fino adesso sono riuscita a tenere a bada tutto e tutti , a risolvere problematiche in famiglia   è stato anche grazie alla mia "buona salute" ma se adesso ci si mette anche questa   ?? devo essere sempre presente,non posso contare su nessuno in particolare .
 . Ho anche paura che sia qualcosa di " extra". Ma si, è inutile stare qui a pensarci tanto , non risolvo niente  subito e rischio di condizionarmi e poi oggi c'è un sole bellissimo ,la giornata è bella..viviamo il momento:)

(Nel pomeriggio chiamo il mio ginecologo di fiducia e fisso un'appuntamento)


il caffè di Lisa  ,stamattina dopo  la solita passeggiata

10 commenti:

  1. MENOPAUSA, si chiama MENOPAUSA. Non temere di pronunciare il suo nome, non é Lord Voldemord!!! Lo so, si vorrebbe rimandare quel momento il più possibile ma prima o poi... e non é detto che avvenga come hai detto. Ho amiche che hanno vissuto questo periodo in assoluta tranquillita'! Faccia sapere che dice il ginecologo.
    Ti abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccia???
      Mail arrivata e regalo ancora qui... che vergogna!

      Elimina
    2. hai ragione Francesca:) però è come da piccola senti parlare del parto..Ok..la"faccio " sapere(ehehheh)

      Elimina
  2. Non prenderla così male, Nicoletta. E' vero, non è facile: anch'io mi chiedo spesso come reagirò quando arriverà quel periodo, però ha ragione Francesca. Non dobbiamo aver paura di dire Menopausa, perchè infondo non è il nostro utero che fa di noi le donne che siamo! In giro si sentono racconti spaventosi, ma non è detto che i disturbi e gli scompensi vengano tutti a noi. Per esempio mia mamma non ha avuto grossi problemi, e pensa che mia nonna è andata in menopausa improvvisamente ad appena 42 anni e l'unico disturbo che ha avuto è stata qualche vampata di calore e stop: niente pazzie, crisi isteriche o altro. Dai, facci sapere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai Giorgia,mia mamma si ricorda poco , però da quello che ricordo io non l'ho mai vista in difficoltà. speriamo di assomigliarle. Un abbraccione

      Elimina
  3. Mia moglie non ha avuto e non ha alcun particolare fastidio se non qualche vampata di calore e qualche cambiamento di umore più frequente del solito (ma solo per i primi tempi).
    Sempre per i primi tempi aveva una ritenzione idrica maggiore del solito che la faceva sentire gonfia.
    Nessuna dieta particolare e nessun altro cambiamento evidente.
    Se non per il seno che le è diventato più sodo e più grosso. Con somma soddisfazione del marito che sono io.
    Il ginecologo saprà tranquillizzarti e sarai presto più serena.
    Tranquilla. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non hai idea Giovanni quanto fa piacere leggere una sensibilità così da parte di un uomo per la sua compagna. Sei attento e premuroso, bravissimo !!Ciao e un abbraccio

      Elimina
  4. Nicoletta, non voglio essere la solita inguaribile ottimista, ma ti posso dire che la MENOPAUSA, no è quella brutta bestia che si crede.Io ho addirittura avuto l'asportazione di un fibroma ,utero ed un ovaia...a parte il trauma dell'operazione che non volevo fare...dopo sono ringiovanita di 10 anni ed il periodo dopo è stato molto meglio della noia di avere tutti i mesi...quella noia ah ah Baci Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patrizia, grazie per i tuoi consigli, davvero mi sono stati utilissimi. Io ,adoro te:)))

      Elimina
  5. Menopausa, secondo la mia psicologa, significa mettere "meno-in-pausa" se stesse rispetto alle esigenze degli altri. Cerca di affrontare la menopausa con un certo distacco: più timore hai, più potere dai ai sintomi che ti portano alla destabilizzazione. Accetta -nel significato di "prender atto"- di ciò che accade al tuo corpo, cerca di porvi quanto riparo sia possibile, secondo i suggerimenti della tua ginecologa e vedrai che superare la menopausa sarà più semplice di quel che immagini. Come dice la credenza popolare, spesso il diavolo è meno brutto di quel che lo si dipinge. In bocca al lupo... se ti può interessare http://ontanoverde.blogspot.it/2013/06/meno-in-pausa-e-reagire-invece-di.html

    RispondiElimina