venerdì 10 luglio 2015

Dall'Album di famiglia



Questa splendida e dolcissima signora con in braccio un frugoletto è mia nonna. Questa fotografia l'adoro. Fin da piccola la rigiro puntualmente tra le dita ogni qualvolta mi capita di aprire la scatola delle fotografie di famiglia.Lei è stata la mia seconda mamma.Dopo la scuola  io e mio fratello andavamo a casa sua aspettando il papà che tornava dal lavoro e veniva a prenderci. I nonni vivevano in campagna ed erano dei signori benestanti. Desideravo sempre  dormire da lei, era molto scaltra furba , ben voluta da tutti, discreta e sempre con la battuta pronta. Era una festa  cenare a casa sua perchè  ci preparava sempre le patatine fritte e i sofficini findus ..per non parlare della "fogassa" o meglio la "brasadela" tipico dolce di Ferrara  città  del nonno. E poi faceva i tortellini a mano...che buoni!! E sul fornello bolliva sempre il brodo con tanto sedano. Cosa darei per ritrovare quel profumo che aleggiava in cucina La zona dove abitava si chiamava "via Cantarane"..se n'è andata un giorno di Aprile, dopo una malattia fulminante.. ricordo che da piccola mi portava sempre al cimitero per cambiare l'acqua ai fiori dei bisnonni e quante corse facevo  avanti e indietro strisciando  sul quel vialetto di sassolini. Finchè lei era occupata  io andavo dove erano seppelliti i bambini e sebbene conoscevo a memoria tutti i loro faccini li salutavo puntualmente uno ad uno. Poi ecco  la solita domanda:" quando sarò morta te vearè a portarme i fiori al cimitero"  ? 
..eh si nonna ogni tanto arrivo..
Si chiamava Anna..come la mia ultima bambina


7 commenti:

  1. Che bella questa foto, e che nonna giovane, con le zeppe! una storia bellissima...

    RispondiElimina
  2. In questa storia c'è la semplicità e il romanticismo di una volta.
    Bella anche la foto.

    Emy

    RispondiElimina
  3. Bellissima questa storia...amo le storie che parlano di ricordi e di tempi passati, di un mondo che ormai, purtroppo è in via d'estinzione. Un mondo dove i sentimenti e le piccole semplici cose contavano ancora.
    A presto.
    Antonella

    RispondiElimina
  4. Che bella la tua nonna, Nico! Io ho avuto uno splendido rapporto con le mie due, nonna Domenica, detta Ghina, la mia nonna materna , morta quando avevo 11 anni e lei solo 60; poi c'era nonna Elvira, che se n'è andata a 88 anni, quando io ne avevo 19 ed a cui assomiglio, con orgoglio, tantissimo!
    Ed ora che mi trovo a vivere il ruolo della nonna, con il mio adorato Unai e con quel cucciolino ancora nella pancia della sua mamma......capisco cos'è l'amore dei nonni per i nipoti, dopo aver vissuto, da nipote, l'amore delle nonne: non avrei mai creduto possibile sentire l'amore che sento, un amore completamente diverso da quello che ho provato e provo per i miei figli; forse perchè sono più vecchia.....forse perchè con i nipoti puoi lasciarti andare diversamente.....ma un " Ciao, nonna Lela" detto al telefono dal mio cucciolo, i suoi racconti, i suoi abbracci.....mi regalano una felicità davvero incommensurabile.
    un grande abbraccio Lela

    RispondiElimina
  5. Bellissima tua nonna e belli anche i ricordi e struggente la nostalgia che ti lega a lei... Anche le mie nonne si chiamavano Anna!!!
    buon week-end

    RispondiElimina
  6. Il fascino della foto in se stessa..con l'usura del tempo..e vedere i tratti somatici ..i vestiti il modo di sedersi ...e poi gli occhi:) Hanno una magia queste immagini,parlano da sole. Nonna Anna era speciale ,davvero. Ne perlerò ancoira , man mano che riafforano i ricordi. Grazie amiche per la sensibilità. A presto

    RispondiElimina
  7. Che bella questa foto... Stilosa tua nonna!!!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina