domenica 15 marzo 2015

Con una foto tra le dita


Da bambina passavo ore incantata a a curiosare nella scatola delle vecchie fotografie ingiallite di famiglia. Ancora adesso ,che nonna non c'è più e che la scatola ce l'ho io ..mi perdo meravigliata.  Molti "parenti" e amici non li conosco personalmente ma negli anni attraverso i racconti anche del nonno Jago  ho  dato loro "un 'Anima". Questi che adesso mi sfugge il nome sono i parenti di nonno,  Lui emigrato in Inghilterra dalla natìa Ferrara Sposa una maestrina  di Londra e avranno 3 figli,una vita felice e chissà cosa poi...confesso che mi piacerebbe rintracciarli e conoscerli  ,sai che bello??.Ho passato l'infanzia con questa foto tra le mani, sorridendo e chiedendomi con la curiosità di bambina perchè " Zio avesse  trovato il suo amore più alto di lui". E poi che meraviglia i vestiti di allora..il capellino ,i particolari....la mia fantasia e nostalgia non ha mai cessato di esistere per fortuna. Però confesso che una voglia di cercarli ce l'ho e chissà che ....

2 commenti:

  1. nel 202, alla morte della zia Tina ( zia della mamma), nel momento doloroso in cui......si doveva vendere la casa e, quindi, svuotarla, mi sono " impadronita" della sua scatola di ricordi. Una grande scatola di latta, blu a fiori. sapevo che sarebbe andata persa, buttata via.....
    In mezzo a fotografie, biglietti di natale, letterine che noi nipoti le scrivevamo ( zia non ha avuto figli), ho trovato le lettere di uno degli ultimi " parenti americani". Sapevo la storia, a grandi linee. Lo zio della zia Tina, fratello del mio bisnonno Leone, era partito per gli USA , nel 1938/39, per motivi politici. E la zia era l'unica ad ever mantenuto i rapporti con quel ramo di famiglia.
    Sai che ho fatto? dapprima ho scritto una lettera all'unico indirizzo che avevo e poi Tommaso ha trovato, tramite FB, le ultime propaggini della famiglia! Fallo, Niki.Qua è stata gioia per tutti:le radici sono le radici!
    Un abbraccio Lela

    RispondiElimina
  2. Ma si, dai... fallo!!! Cercali.
    Non ho idea in che modo o da dove cominciare, ma fossi in te lo farei.
    io ho parenti in Argentina, da parte di mamma. Ogni tanto vengono in Italia. Una volta ho conosciuto una cugina. Non parlava quasi più italiano ma solo spagnolo. E' stato strano!!!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina