sabato 24 gennaio 2015

Le mie strategie di sopravvivenza..

 Devo dire che abitare in una casa molto piccola   per noi ha i suoi svantaggi ma anche parecchi vantaggi.  Giorno dopo giorno me ne rendo conto e ciò non fa che sollevarmi il morale quando ripensando alla mia " casa di prima" mi viene una malinconia da pazzi.
Si pulisce velocemente; il micro bagnetto in dieci minuti al mattino  splende.
 e aggiungendo un'oretta anche tutto il resto. Avendo la lavatrice in cucina  e  la porta del poggiolino  con i fili per stendere  a fianco , ho il cesto della biancheria sporca sempre vuoto perchè è sempre stesa! Urcachebello...Quando c'è brutto fuori  devo  sistemare glii stendini in salotto ma  al mattino prima di uscire  è già tutto asciutto. C'è da dire che  avendo tutto a portata di mano  e steso bene  , non uso più di tanto il ferro da stiro  perchè come si sa: gira che ti rigira".. e qui è un grosso risparmio. Il lavello della cucina è piccolissimo quindi  si lava quasi tutto dopo l'uso.  Cos'altro vediamo.. ah si,  abitando vicino la scuola ,al lavoro e a tutti i servizi ho un notevole risparmio di benzina...

 Però... ho perso i cieli azzurri, le albe mozzafiato , la musica dei grilli  e le occhiatine dei ricci amici...
Intando andiamo avanti  poi vedremo.. con calma, sempre con calma




11 commenti:

  1. andare avanti con calma, sempre con calma: soluzione giusta, anche se, poi, in realtà, credo proprio che invece....corri un sacco!
    Scherzo,però io ho sempre cercato di applicare una regola, pur nel mio voler sempre avere tutto sotto controllo, pensare a tutto io ecc.ecc: UNA COSA ALLA VOLTA. Ecco, il piccolo segreto è questo: una cosa alla volta, soprattutto per la nostra mente!
    E poi.....io non stiro da anni , ma non stiro veramente NULLA!!!Stendo in modo scientifico, come dico io, piego immediatamente, stirando....con le mani, dove serve e poi subito tutto nei cassetti.E' vero che poi quando piove ho lo stendino in camera delle ragazze ( che però non vivono più qua); è vero che in città non si incontrano i ricci e si perdono albe mozzzafiato...ma queste sono cose che,una cosa alla volta e...cammina cammina...ritroverai. Ne sono certa Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ti leggo.mi consolo., grazie.!!!

      Elimina
  2. Cara Nicoletta, ti capisco, è triste lasciare la bellezza della campagna. Da tanti anni il mio sogno è andarmene dal posto pieno di cemento dove vivo ora per trasferirmi in campagna, ma chissà se si realizzerà mai?! Comunque sei stata brava e hai trovato i lati positivi del cambiamento che sei stata costretta a fare, indubbiamente ci sono anche quelli. Sono sicura che questa sia solo una fase di passaggio, vedrai che non sarà sempre così.
    Un caro abbraccio
    Giorgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giorgia, sto facendo.del mio.meglio, speriamo.bene. un abbraccio

      Elimina
  3. Ottimi i tuoi propositi,sono certa però che arriveranno tempi migliori!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Sei brava a guardare i lati positivi della situazione, spero transitoria...
    perché la felicità è ORA... e bisogna viverla nel migliore dei modi, minuto per minuto, anche a testa in giù :D

    RispondiElimina
  5. Posso dirti che ti invidio?
    Per pulire casa impiego una vita!!!

    Ma sono ANNI che non stiro!

    A presto

    RispondiElimina
  6. Barbara ultimamente stiro pochissimo, stendo bene tirato.e poi piego subito. Però. . Gli armadi.dei maschi sono.inguardabili, la roba era stirata poi. .. quindi che sto a stirare? ??

    RispondiElimina